Prosegue l’esproprio delle terre ancestrali dei pastori masai di Loliondo per garantire il sollazzo di pochi ricchi privilegiati in una riserva di caccia esclusiva, data in concessione alla società di un cittadino di Dubai. Un insopportabile caso di land grabbing. Ma i masai preferiscono morire piuttosto che perdere la loro terra.

approfondisci la notizia